Software per odontoiatria: come scegliere la soluzione giusta

Software per odontoiatria: come scegliere la soluzione giusta

Poche semplici ma fondamentali mosse per non sbagliare

Il buon funzionamento di uno studio odontoiatrico necessita di una gestione strutturata e puntuale, essenziale per fornire ai pazienti la competenza necessaria in un ambiente sereno e organizzato.

Un obiettivo da perseguire adottando le opportune strumentazioni, anche gestionali. Oggi una struttura moderna non può fare a meno di un software pratico, veloce e tagliato su misura.

La scelta deve tenere conto di diversi elementi: le caratteristiche dell’hardware, le reali necessità, le criticità che si possono presentare e l’assistenza offerta. Vediamoli insieme.

Hardware: caratteristiche necessarie e/o consigliate

Cosa serve per partire? Il prerequisito di minima è un PC con microprocessore Core i3 (8 GB Ram, Scheda video NVIDEA GeForce GTX 1050 / AMD Radeon RX 550 o equivalenti), ma ipotizzando che le esigenze possano evolversi – ad esempio per leggere/elaborare una Cone Beam o una Presa Impronta Digitale – la soluzione ottimale è quella di dotarsi di un processore Core i7 con una dotazione RAM di almeno 16 GB e una buona Scheda Grafica (Scheda video NVIDEA GeForce RTX 2070 / AMD Radeon RX Vega 56 o equivalenti).

Un elemento da valutare con particolare attenzione è la versatilità del gestionale ad utilizzare più schermi contemporaneamente (ad es. uno schermo dedicato alla cartella clinica ed uno all’agenda o alle immagini). In questo caso sarà quindi utilissimo dotarsi di un secondo monitor (con poco più di 100€ si può già acquistare un Monitor Full HD). Inoltre suggeriamo di chiedere un doppio preventivo al fornitore del Gestionale sia per un hardware minimale per contenere l’investimento, sia per un hardware più prestazionale.

Scegliere gli applicativi giusti in funzione delle necessità dello studio

Un punto molto importante è costituito da un’analisi attenta delle reali necessità per poter scegliere la soluzione più adatta per software gestionale, software per la gestione delle immagini e software per l’elaborazione del tracciato cefalometrico.

Quindi il consiglio per chi intenda dotarsi di uno strumento di gestione efficace è quello di dedicarsi con attenzione alla fase preparatoria, testando in anticipo tutte le potenzialità offerte dal software e decidere quale sia la formulazione ottimale.

Il software gestionale

Deve poter gestire tutte le attività dello studio: dalle anagrafiche alla gestione dei documenti, dalle fasi operative al protocollo clinico, senza tralasciare la gestione dei laboratori esterni, del magazzino e dei fornitori.

E’ importante che possa essere utilizzato senza particolari competenze informatiche da tutto il personale, prevedendo visualizzazioni diverse in funzione delle necessità specifiche dell’operatore (medico, assistente, amministrazione, ecc.).

Per questo è necessario un servizio di installazione e assistenza iniziale per configurare tutte le funzionalità specifiche necessarie allo svolgimento delle attività dello studio.

Il software per la gestione delle immagini

E’ d’obbligo che sia integrabile a tutte le periferiche di acquisizione (Scanner, Segnale Video, Macchina Fotografica Digitale, Radiovideografia e CD e/o supporti esterni forniti da centri di radiologia) per essere predisposto anche ad eventuali acquisti futuri di strumenti diagnostici. E’ inoltre necessario che sia in grado di gestire il registro radiografico e permettere di visualizzare la rappresentazione dei modelli degli impianti necessari (in sovrapposizione alla radiografia) per una comunicazione efficace con il paziente.

Il software per l’elaborazione del tracciato cefalometrico

Deve poter acquisire la teleradiografia da tutti i dispositivi di acquisizione come: scanner retroilluminato, sistemi di radio-videografia, ortopantomografi digitali e da file archiviati. Inoltre, deve facilitare la definizione dei reperi cefalometrici , delle strutture ossee, dentali e dei tessuti molli.

In tutti i casi è sempre consigliata un’analisi delle caratteristiche dello studio da parte di un professionista in grado di individuare le eventuali criticità e configurare soluzioni ad hoc facilmente fruibili da tutto il personale nelle varie funzioni.

Criticità: a cosa dobbiamo stare attenti ?

Evitate il fai da te o il consiglio di chi non conosce il settore specifico

L’acquisto di software per gli studi odontoiatrici è sempre una scelta delicata. Individuare il fornitore più adatto è molto importante in quanto i vantaggi che derivano dall’utilizzo dipendono sempre dalla capacità di identificare gli effettivi bisogni e predisporre i software per poterli assolverle al meglio in modo semplice ed intuitivo.

Valutare bene le necessità dei vari reparti dello studio

Spesso vengono sottovalutate le necessità funzionali e le esigenze dei vari reparti dello studio odontoiatrico (es. Zone operative, Amministrazione, Direzione, ecc. ), questo porta a decidere per l’acquisto di un software senza essere consapevoli delle reali necessità operative delle quali si diventa di solito consapevoli solo quando si manifestano le prime difficoltà.

Assistenza tecnica

Per evitare di fare scelte sbagliate che si potranno ripercuotere sulle performance o addirittura rendere inutilizzabile il software acquistato, è sempre consigliato rivolgersi a un fornitore competente che garantisca un’assistenza iniziale per la corretta configurazione di tutte le funzionalità e un’assistenza telefonica con operatori qualificati che possano risolvere in breve tempo le eventuali problematiche legate all’uso del software o al collegamento con i dispositivi dello studio.

Lascia un commento